SwearIT o come trasmettere dichiarazioni verificabili

3 Minuti letti

Condividi

Frasi come “Siamo sostenibili, ecologici e impegnati” o “Siamo leader nel settore” diventeranno completamente obsolete e prive di significato se non saranno accreditate e se al consumatore non verrà offerta la possibilità di verificarlo semplicemente controllando un QR che compare sul prodotto.

“L’idea è nata quando i tre amici che hanno fondato Swearit hanno preso un Cabify e sul conto c’era scritto che per compensare l’impronta di CO2 Cabify dedicava una percentuale del ricavato a piantare un albero. L’iniziativa ci piaceva, ma noi tre dubitavamo che fosse vera. Da qui è nata l’idea di sviluppare una soluzione che permettesse alle organizzazioni di trasmettere affermazioni verificabili”, raccontano.

Ma cosa c’è dietro?

SwearIT è una piattaforma web in cloud composta da un’applicazione web e da una blockchain aziendale.

Attraverso i suoi processi, consente all’azienda stessa di creare la propria storia (fornendo la documentazione per verificarla o convalidarla), di invitare terze parti (ad esempio laboratori) a convalidare ciò che dice, o di beneficiare di algoritmi che garantiscono la credibilità delle proprie affermazioni.

“Le aziende hanno bisogno di ottenere la fiducia dei loro clienti quando fanno le cose per bene e per questo la blockchain è una delle opzioni migliori. Le informazioni memorizzate sono certe e non possono essere modificate o cancellate. Qui la blockchain agisce come un notaio o un registro civile, ciò che si dice e si scrive rimane per sempre. Questo rafforza la credibilità delle prove fornite”, spiegano i responsabili della start up.

Inoltre, la piattaforma si integra con i sistemi interni delle organizzazioni, come l’ERP (Enterprise Resource Planning) o l’e-commerce, nonché con altre blockchain pubbliche.

In breve, SwearIT compie un salto tecnologico verso la verità e la trasparenza dei prodotti o dei servizi di qualsiasi azienda, rafforzando la fiducia dei consumatori, tenendo conto delle loro opinioni e rendendoli “influencer” del vostro marchio.